Archivio | aprile, 2013
Video

Einstürzende Neubauten – Blume

30 Apr

Band: Einstürzende Neubauten
Disco: Tabula Rasa (1993)

Immagine

Lucio Fontana

29 Apr

Lucio_Fontana_janv091-1407101035100

 

 

Lucio Fontana (1899 – 1968)

Una rottura può essere anche un semplice taglio, un’incisione su tela, manifesto in questo caso del movimento spazialista. Una tela che prima era intonsa, ora viene bruscamente interrotta, cambiata nella sua natura, cercando spazio e luce.

Immagine

Carico di rottura

24 Apr

Frattura-Campana-026

 

 

In fisica e ingegneria dei materiali il carico di rottura (detto anche forza di rottura o sollecitazione a rottura) è il limite, in termini di forza o sollecitazione esterna applicata, oltre il quale un materiale risulta definitivamente inservibile dal punto di vista della resistenza.

Applicando una forza o sollecitazione esterna ad un materiale, questo subirà una deformazione e un cambiamento dello stato tensionale interno dovuto allo scambio di interazione delle molecole che lo compongono. Aumentando progressivamente la forza esterna, le tensioni interne la equilibreranno di volta in volta, ma soltanto fino ad un punto limite oltre il quale ciò non sarà più possibile: in tale circostanza il materiale si romperà e il valore di intensità della forza esterna applicata in quel momento sarà chiamata appunto carico o forza di rottura.

Possiamo dire dunque che il carico di rottura rappresenta la massima sollecitazione monoassiale che un materiale può sostenere prima di arrivare a rottura. In fisica questo valore caratteristico viene definito come il rapporto tra la forza F, applicata ad una determinata sezione di un materiale, che provoca la rottura del provino e l’area iniziale (ossia prima dell’applicazione del carico) della sezione del provino stesso.

In quanto sollecitazione, il carico di rottura viene misurato nel Sistema internazionale di unità di misura (SI) in Pa (1 Pa=1 N/m²) o, più spesso, in MPa (1 MPa=1 N/mm²).

Fonte: Wikipedia
http://it.wikipedia.org/wiki/Carico_di_rottura

Thank you, Box!

23 Apr

boxSono serviti due giorni per riprendermi, ma finalmente riesco a mettere giusto due parole nero su bianco.
Ideare Inside the Box è stato elettrizzante, organizzarlo stancante, vederlo e viverlo un sogno.
Come spesso accade, tutta la fatica, la tensione, la stanchezza dovuta ad aver a che fare con una burocrazia assurda e complicata, il doversi inventare soluzioni diverse per adattare il progetto iniziale agli effettivi mezzi a disposizione, mille telefonate e mail, sembrano dissolversi nel momento in cui l’evento viene portato a termine in modo soddisfacente. Questo è stato il nostro caso, fortunatamente. Inside the Box è stato fortemente desiderato ed è parte di noi; vederlo prender finalmente vita ci ha ripagate di tutte le difficoltà vissute nelle settimane scorse.
Mi sento di ringraziare tantissimo gli artisti presenti, che hanno lavorato con passione e si sono esibiti in una condizione non ottimale: Barokthegreat, Bob Meanza, S/T Teatro e Sara Lando. Grazie per la pazienza, per l’entusiasmo, per averci sempre dato sostegno e comprensione e soprattutto grazie per il vostro talento.
Ringraziamo anche Rabatto nella persona di Filippo Olioso, per aver ideato e costruito il box principale e per aver lavorato nella polvere con noi per realizzarlo.
Grazie a Sebastiano Boni per l’illustrazione in locandina, a Laura De Salvatore per il grandissimo lavoro di grafica, a Simone Recaldin per il logo e la consulenza web.
Grazie a tutte le persone che ci hanno aiutato sia fisicamente durante l’allestimento dell’evento (Sirio!), che con idee e consigli utili.
Questo per noi è un grande traguardo e l’inizio di un nuovo progetto: THE BREAK.

La strada è stata spianata, ora camminiamo avanti contente.

Valentina

Video

Inside the Box: il video di presentazione

17 Apr

Riot!Rest. presenta Inside the box from Dora Biondani on Vimeo.

Questo video nasce come montaggio ispirazionale. Di seguito riportiamo link ai video usati per la sua creazione.

Holistic Strata http://www.youtube.com/watch?v=b5EVaYo8y3U
the MIDAS project http://www.youtube.com/watch?v=lF2AR_y9s3s
3D project mapping http://www.youtube.com/watch?v=ralwfcuE_Tg
Interstate 60 http://www.youtube.com/watch?v=3RXCbPdyTwM
Bob Meanza http://www.youtube.com/watch?v=uvQSp2CcaAA
Barokthegreat http://www.youtube.com/watch?v=W7iYRRK57nM

Immagine

In the doll house

12 Apr

In da dolls house by solarixx

Un’opera di un’artista nuova. Donne come bambole dentro una scatola casa mezze nascoste, mezze messe in mostra. In posizioni raccolte come bambine adulte in mano a nuovi giocatori…

http://www.flickr.com/photos/solarixx/8626226741/in/contacts/

Immagine

Paolo Soleri

11 Apr

paolo soleri

Un altro artista italiano ci lascia. Paolo Soleri. Partito da Torino alla conquista dell’america. Un architetto, un artista, un filosofo.
Ciò che più ci colpisce è la sua creazione di Acrosanti una città sperimentale iniziata nel 1970 in Arizona che si basa sulle sue idee e sui suoi studi e che creò per dimostrare che le condizioni urbane possono migliorare e minimizzare l’impatto distruttivo dello sviluppo di cittù sulla terra.
Un uomo eclettico e visionario che ha fatto della sua creatività e genialità uno strumento per cercare di migliorare il mondo e che ha con passione portato avanti le sue idee.

«La ricchezza consiste non nell’avere di più, ma nell’aver bisogno di meno» spiegava Soleri, teorico di una società anticonsumista e di una città che non crescesse all’insegna dello spreco e che fosse lo spazio ideale nel quale formare comunità.

http://www.archdaily.com/357747/remembering-paolo-soleri-1919-2013/

Immagine

L’esterno non invita all’interno

9 Apr

Piero_Manzoni_Artist's_shit

 

 

 

Merda d’artista (1961) – Piero Manzoni

«Posso tranquillamente asserire che si tratta di solo gesso. Qualcuno vuole constatarlo? Faccia pure. Non sarò certo io a rompere le scatole. » Piero Manzoni al Corriere della Sera, 2007

Video

S/T Teatro: gli attori nella scatola

4 Apr

S/T Teatro si esibirà il 20 aprile all’interno di Inside the Box.

Coscienza e consapevolezza differenziano l’essere umano dagli altri esseri viventi.
Parlare di un dentro, da dentro. Di un dentro, da fuori.
Abbiamo cercato intorno a noi, alle nostre vite di trent’anni, cos’è la scatola, cosa la riempie, come poterla abbandonare, come non assuefarci ai comfort regalati a caro prezzo.
Cerchiamo la logica dei nostri mondi, perché i marchingegni non sono infallibili.
Si ha in testa, a volte, una canzone. E poi più nulla, l’indecisione del momento, gli accorgimenti celesti, a tenere tutto su un piano morbido, senza inceppamenti.
I sogni di fuga e l’instabilità della stanchezza; c’è la salvezza oltre il compromesso?
Non lo sappiamo.

S/T Teatro.

Inside the Box from diNotte Records on Vimeo.

Video

1 casa, 1 metro quadro, 1 euro

3 Apr

E’ la casa più piccola del mondo, alta due metri e con una base di 70 centimetri per 100, facile da trasportare, smontare e rimontare. Una buona idea di design per i viaggiatori squattrinati e ben adattabili alla ricerca di una vacanza alternativa. L’invenzione è stata di un noto architetto, Lee Van Bo-Mentzel, dello studio Markenarchitektur, il prototipo è stato esposto al Bmw Guggenheim Lab di Berlino la scorsa estate. Pernottare in queste piccole abitazioni mobili costa solo un euro e per chi soffre i colleghi in ufficio allo stesso prezzo può scegliere di starci anche di giorno, infatti girando la casina in versione verticale, si trasforma in un comodo angolo dove sedersi, con tanto di scrivania, dove lavorare o riflettere.

1 euro a notte è un prezzo ottimo per soggiornare a Berlino, ed inoltre, questa casa vi permette anche di scegliere liberamente la posizione dell’alloggio. Il piccolo hotel portatile è fatto in legno impermeabile e plexiglass, con una finestra a scorrimento, una porta e una piccola scrivania, infine c’è una sedia e un materasso di 180 x 70 centimetri all’interno. Tutto è molto leggero da trasportare grazie anche alle ruote di cui è dotato. Ha la forma di una piccola casa, si può tenere in orizzontale, per dormirci, e in verticale per il giorno, grazie ad una piccola scrivania e una sedia. Grazie alla sua dimensione può passare dappertutto, anche nella metropolitana berlinese.

Fonte: Cadoinpiedi http://www.cadoinpiedi.it/2013/04/02/lhotel_portatile_da_1_euro_a_notte.html