Archivio | luglio, 2013

Intervista con Anna Mainenti

29 Lug

autoritratto-4Benvenuta Anna! Abbiamo sempre nutrito curiosità verso il tuo lavoro più recente, i ritratti ibridi. Da dove è venuta l’ispirazione per un progetto simile?
Sinceramente non c’è una vera e propria risposta a questa domanda, i ritratti ibridi sono una visione che avevo in mente e che ho trasferito in immagine reale. L’ispirazione concettuale sicuramente è venuta dalla mia vita con i miei cani, siamo un tutt’uno, danno un plusvalore alla mia vita.

Come mai la scelta di “fondere” uomo e cane? Hai mai pensato alla possibilità di inserire qualche altro animale domestico tra gli ibridi?
L’uomo e il cane sono uniti da sempre, la scienza sostiene che il cane non esisterebbe se non fosse stato per il suo legame primordiale. Siamo evoluti insieme e il nostro legame è antico, in un certo senso il cane e una degli specchi che riflettono i cambiamenti della società umana e la sua evoluzione, credo che sia l’animale che più si lega alla nostra realtà di tutti i giorni ed è per questo che ho scelto il cane come metà animale nei ritratti ibridi, oltre al fatto che fisicamente è il più simile a noi e quindi la somiglianza rende più realistiche queste immagini.

Il secondo evento che stiamo mettendo in piedi sarà “The break”. Che tipo di analogie trovi con il concetto di “rottura” nelle tue foto?
Beh sicuramente c’è la rottura con l’immaginario comune di ritratto tradizionale, i miei “esseri” sono creature mostruose che possono affascinare o inorridire lo spettatore appunto per la rottura che impongono all’idea classica del ritratto. Sono “mostri”, creature bestiali, così reali che  impressionano molto lo spettatore e impongono una reazione forte.
Come per i Freak di Diane Arbus, anche i miei esseri provocano ribrezzo e/o fascino a chi li guarda perchè appunto spezzano la consueta immagine che si ha dell’uomo, trasformandolo in un essere bestiale ma mantenendo sempre i tratti riconoscibili di una persona.

Puoi ampliare questo anche ad altri tuoi lavori o gli ibridi sono quelli che a tuo avviso rispecchiano di più “the break”?
La rottura in un modo più o meno preponderante è sempre presente nei miei lavori, anche nel progetto Fuori dalla Gabbia lo scopo era di “rompere” le sbarre che ci impediscono di vedere i cani del canile come creature meravigliose e piene di bellezza ed esperienza. Il fatto di aver ritratto questi cani su un fondale quasi teatrale cerca di spezzare il concetto di cane di canile come cane malato, sfortunato, difficile e brutto ma lo mostra nella sua bellezza iconografica, quasi da star del cinema. Anche con il progetto Light of Technology che sto sviluppando ultimamente la rottura tra passato e futuro è il filo conduttore delle mie nuove opere fotografiche, quindi direi che il concetto di “rottura” mi è più che familiare.

So che sei partita con gli studi dalla pittura, fino ad arrivare alla fotografia di professione. Hai mai pensato di affiancare alla fotografia anche la pittura?
Assolutamente no, la pittura non è mai stato per me un mezzo di comunicazione che mi confacesse, troppo lenta e concettuale e il mio scarso talento in quando al disegno non mi permette di creare immagini abbastanza reali da sostituire quelle che creo invece con la fotografia. Certamente gli studi d’arte e pittura mi hanno aiutato molto a sviluppare il mio concetto personale di immagine comunicante, la fotografia mi ha regalato un mezzo indispensabile per mostrare a tutti la mia visione delle cose.

Cosa ritieni più ispirazionale per il tuo lavoro al momento?
Mi piace ispirarmi alla natura principalmente, ma anche a temi legati all’ambiente e alla società umana. Il concetto di “rianimalizzazione” e presa di coscienza nei confronti della natura da parte dell’uomo credo che sia l’unica svolta che può assicurarci un futuro vivibile su questo pianeta e io cerco di comunicarlo con le mie fotografie. Grazie alla tecnologia usata in maniera etica e ecologica potremmo davvero rivoluzionare in meglio la nostra esistenza e creare un mondo idilliaco dove continuare la nostra esistenza in maniera pacifica e sana, se riusciremo a farlo sarà secondo me l’unica cosa che potrà salvarci dall’estinzione.

Grazie Anna. Dove potremo trovare i tuoi progetti e quali sono i tuoi impegni futuri?
I Ritratti Ibridi sono esposti al momento presso la Galleria d’Arte PH Neutro, mentre tutti i miei progetti fine art come i lavori commerciali li trovate sul mio sito www.annamainentiphotographer.com.
Il mio impegno futuro più vicino è la campagna pubblicitaria della Settimana delle Comunicazione di Milano che ha come protagonisti i miei Ritratti Ibridi, nell’occasione di questa manifestazione, che si terrà in ottobre, ci sarà anche una mia mostra personale con il patrocinio del comune di Milano.
Poi conto di proseguire con il progetto Light of Technology scattando anche in altre location sotterranee veronesi come i sotterranei dell’Arena e gli Scavi Scaligeri.

Immagine

The Ring Mirror Installation

26 Lug

Ring-Mirror-Installation-by-Arnaud-Lapierre-2

ringmirror2

Visitors of the Place Vendome in Paris, France were treated to a stunning art installation during the FIAC 2011 exhibits. The Ring Mirror Installation by Arnaud Lapierre, sponsored by Audi, is a reflective cylinder composed of mirrored blocks stacked in a variegated fashion.  About the Ring structure, Lapierre explained, “‘The Ring’ is an installation that takes into consideration the urban space networking: the rhythm, flow, organization and spatial hierarchy. The installation embodies a visual effect that is to connect all of these interactions through the implementation of an optical effect: the repetition of a cubic mirror to break the perception of the place.”  The view from within looks remarkable, it’s a shame Lapierre’s work is only temporary.  However modern it may appear, it looks at home in the classical buildings around it in Paris.

Fonte: http://gabriellevoogt-projectmanagement.blogspot.it/2011/11/sculpture-art-ring-installation-by.html?spref=fb

Immagine

Stone Pad, il nuovo gioiello di Fabrica

25 Lug

stone pad

Dalla collaborazione tra il giapponese Ryu Yamamoto e l’italiano Leonardo Amico, entrambi ricercatori di Fabrica rispettivamente dell’area di Design e di Interaction, è stato sviluppato lo Stone Pad, un nuovo strumento musicale che aggiunge una dimensione fisica alla musica di Jhon William Castaño Montoya. Traendo ispirazione dalla diversità di minerali della scala di Mohs, lo Stone Pad associa ogni pietra a un suono specifico, in modo che i musicisti possano suonare la loro musica usando le pietre come fossero i tasti di un pianoforte.
La struttura dello strumento è costruita a forma di spirale, elemento ricorrente in natura, che rimanda alla crescita armoniosa. Da una base riempita di pietre si dipartono degli steli di legno, a sostenere i pesanti tasti costituiti dalle pietre. Sensori di forza posizionati sotto ogni pietra rilevano poi la pressione esercitata su di loro ed il segnale raccolto viene poi elaborato digitalmente per riprodurre i suoni da un software musicale. Nello Stone Pad, il design tradizionale e le nuove tecnologie digitali si incontrano, trasportando la musica in una nuova dimensione.

www.fabrica.it

Immagine

“La rupture” – Gilbert Garcin

24 Lug

gilber garcin

Gilbert Garcin – “La rupture”

http://www.gilbert-garcin.com/

Immagine

Summer’s Different Here

19 Lug

andy-warhol-must-be-summer-2

The Andy Warhol Museum is running a controversial advertising campaign, under the banner “Summer’s Different Here,” showcasing three non-traditional artists debuting their work in Pittsburgh. The print and digital ads feature ordinary images of summertime retooled to challenge perceptions of the ordinary with a bold pop-art styled headline that says “Summer’s Different Here.”

In looking at what unites all these very different artists, we quickly understood that their works are meant to provoke and make you uncomfortable,” said MARC USA Creative Director Josh Blasingame. “Our campaign to promote these exhibitions built on that idea by looking at ordinary icons of summer and showing how they could be made more than a little uncomfortable.”

Fonte:
http://theinspirationroom.com/daily/2013/andy-warhol-summer-different-here/?utm_source=feedburner&utm_medium=email&utm_campaign=Feed%3A+tirdaily+%28The+Inspiration+Room%29

Immagine

Le esplosioni di colore di Jon Smith

16 Lug

Il fotografo e chimico Jon Smith cattura in foto le esplosioni di lampadine piene di lustrini, perle ed altri oggetti. Sono delle vere e proprie “bombe” di luce e colore.

jon smith 1

jon smith 2

jon smith 3

jon smith 4

http://www.flickr.com/photos/66107419@N03/

Immagine

La ricerca degli spazi di Dorota Buczkowska

9 Lug

dorota2

Dorota Buczkowska’s drawings focus on combining physiology with psyche and on connecting the flows of emotions with the flows of bodily fluids; they explore various spaces of corporeality, sensuality, feelings and mind.

Fonte:
http://blog.2modern.com/2012/04/dorota-buczkowskas-creepycool-sculpture-and-photography.html
http://dorotabuczkowska.blogspot.it/

Video

Fracture IO

8 Lug

Fracture IO (Process) from MPC Digital on Vimeo.

Music: Stick To My Side by Pantha Du Prince

Fracture IO is an installation by MPC that re-invents the photo booth to create generative, 3D animated artwork based on the form of the human body. The piece made its debut in May at the One Show Awards celebration at the Bowery Hotel in New York. MPC was approached by JWT to create an innovative piece for the One Show, and we leapt at the opportunity to update a process that’s remained relatively unchanged for the last hundred years.

More information at moving-picture.com/advertising/mpc-digital/fracture-io