Immagine

Dodici cubi di resina formano “A piedi nudi per casa”, di Lucia Amalia Maggio

10 Feb

“A piedi nudi per casa” – Lucia Amalia Maggio

maggio1

maggio2

Dodici  cubi di resina  sospesi  nella  stanza,  piccoli  ambienti  ordinati  che fluttuano  in un macro­ambiente caotico.  Da  sempre  l’uomo  delimita  e  rende  abitabile  un  suo  spazio  attraverso  sistemi  di  riferimento  e orientamento, da cui partire per relazionarsi al mondo esterno.

In ogni cubo è inglobata la rappresentazione di una delle prime strutture del pensiero usate dall’uomo per orientarsi: il reticolo a 16 rose dei venti. I fili che partono da ogni cubo costruiscono una rete, uno spazio della relazione, in cui ogni identità si interseca e si relaziona con l’altro da sé.

maggio3

maggio5

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: